Patrimoney - Evolution is revolution
wedo login

Troppo spesso e con toni enfatici si sente parlare di Private Insurance.

Contando sulla denominazione inglese si pensa di impressionare la platea; in realtà é il contenuto e non la forma che dovrebbe attrarre e meritare un approfondimento.

Nella cassetta degli attrezzi del PATRIMONIALISTA la polizza di private insurance non può certamente mancare.

Vorrei porre l’attenzione su tre cose che il PATRIMONIALISTA deve fare; tre che deve necessariamente evitare e una che deve assolutamente sapere.

 

Tre cose da fare per costruire una polizza di private insurance che tuteli il patrimonio, ottimizzi fiscalmente e pianifichi con efficienza la trasmissione della ricchezza:
 

  • Affidarsi a un consulente che dopo una attenta analisi della situazione familiare e patrimoniale proponga soluzioni assicurative che si differenzino per Compagnia e offerta.
  • Orientarsi verso Compagnie assicurative che abbiamo sviluppato expertise sulle tematiche più sensibili alla situazione del cliente come ad esempio : integrazione di attivi a liquidità ridotta nel contratto, impatto della fiscalità sui premi ricevuti dagli eredi residenti all’estero, possibilità di beneficiare di una parte dell’investimento in prodotti a capitale garantito.
  • Verificare che la struttura dei costi sia trasparente e comprensibile: spese di ingresso, spese ricorrenti,  penalità in caso di uscita dalla gestione separata o nell’ipotesi di risoluzione parziale/totale del contratto.

 

Tre cose da evitare:

  • Evitare la redazione di clausole complesse oppure  al contrario indicazioni generiche nella designazione dei beneficiari. Può essere importante, in alcune situazioni, evitare di informare i beneficiari, al fine di poter modificare le proprie scelte in ogni momento.
  • Evitare  di effettuare donazioni via il contratto assicurativo che possano intaccare i diritti degli eredi legittimi.
  • Evitare di basare la propria scelta solo sulla base della “tariffazione”. Spesso a minori costi corrisponde una qualità di servizio non all’altezza (“genericamente chiamato“ servizio post vendita” ma che deve esser garantito per tutta la durata del contratto). Soluzioni che riguardano pianificazioni successorie e tutela del patrimonio necessitano standard di qualità elevati  che necessariamente hanno un prezzo.


Una cosa che devi assolutamente sapere:

Un contratto assicurativo di private insurance “efficiente” deve essere il frutto di una attenta riflessione e avere il “timing” appropriato: evitare dunque di arrivare all’ultimo momento. L’età avanzata del contraente spesso costituisce uno svantaggio, ad esempio, in termini di accettazione della Compagnia, impatto dei costi e attivi integrabili in seno al contratto.

 


Il private insurance dispone di una ampia gamma di fattori e possibilità che sapientemente abbinati conferiscono al contraente la capacità di disporre di una propria soluzione assicurativa.

Parliamo pertanto di soluzione assicurativa personalizzabile che deve essere scelta e ponderata con attenzione.

 

A  cura di Antonio Valente